Sei mesi dopo, ancora minacce per il procuratore di Catanzaro, Nicola Gratteri. Più le indagini vanno avanti e più la ’ndrangheta manifesta tutta la sua insofferenza nei confronti del capo dei pm antimafia. Le cosche vibonesi, che tra qualche settimana compariranno alla sbarra nel processo “Rinascita-Scott”, preparerebbero un attentato per superare la protezione della scorta […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Contagi, allarme all’aeroporto di Fiumicino. “Dal Bangladesh partono con la febbre”

prev
Articolo Successivo

“Scacchi razzisti perché il bianco muove per primo”

next