“Buffone, sciacallo, sei peggio del Covid, tornatene al Nord”. Insulti d’ordinanza già ascoltati in passato. Stavolta, però, c’è stato un epiteto originale, un omaggio alle tradizioni casearie del luogo: “Caciosciacallo”. E così finisce prima di cominciare l’annunciato comizio di Matteo Salvini a Mondragone (Caserta). Il leader della Lega, venuto nel Casertano a soffiare sul fuoco […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Puglia e Marche: Meloni vuol fare Miss Regionali

prev
Articolo Successivo

La scuola dei leghisti nel club degli “amici” dei boss calabresi

next