Dell’eccidio tedesco dei soldati italiani della divisione Acqui, avvenuto nell’isola greca di Cefalonia alla fine del settembre del 1943, agli inizi degli anni Sessanta non ne parlava più nessuno. Era calato un velo pesante, sulla strage era caduto nell’oblio. Ad alzare quel velo, tanto da indurre Simon Wiesenthal, il cacciatore di criminali nazisti, a promuovere […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Ritorno in libreria. Com’è triste il potere a Milano: Stajano aveva anticipato tutto

prev
Articolo Successivo

Vita di un uomo gentile. Stan Laurel, detto “Staglio”

next