La petroliera “Ice Hawk” arriva poco prima dell’alba nel villaggio di Soronos, a Rodi. Porta il carburante per la vicina centrale elettrica che servirà a rifornire gli oltre due milioni di turisti in arrivo. Un’altra attraccherà accanto alla Penisola di Prassonissi, splendida riserva naturale. Questa energia non è solo inquinante, è anche molto costosa. Lo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Giungla contratti scaduti. Gioco anch’io? No tu no. La folle estate del calcio Covid

prev
Articolo Successivo

Capacity market, l’aiutino pubblico fa felici i soliti noti

next