Lunedì 23 giugno 1980. È una mattina in cui le nuvole che si addensano nel cielo di Roma annunciano un temporale. Un uomo, solo, sta aspettando l’autobus per andare in ufficio, al Palazzo di giustizia. Un giovane si avvicina e gli spara un colpo alla nuca. Muore così Mario Amato, il sostituto procuratore che aveva […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Polli yankee? No, grazie. La Cina ora si vendica

prev
Articolo Successivo

Sagre sì, salotti tv zero. Ecco Zaia, il leghista che risolve problemi

next