Ferme in porto. Con i motori accesi a consumare ogni giorno tonnellate di carburante e a inquinare. Il virus ha fermato le navi da crociera. Dopo le tragiche disavventure delle prime settimane di epidemia, con il contagio che si diffondeva tra i passeggeri, i colossi del mare sono ormeggiati ai moli. Ma i problemi non […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

A fuoco un’azienda chimica “Troppe denunce ignorate”

prev
Articolo Successivo

Riordinare le librerie è ricordare i vecchi flirt

next