C’è un fantasma che s’aggira per la fusione tra Intesa Sanpaolo e Ubi: non il proletariato, ma il suo banchiere, diciamo così. Si parla di Carlo Cimbri, gran capo di Unipol e plastica rappresentazione di quant’è cambiato in pochi anni lo stagno del mondo finanziario italiano. Carlo Messina, infatti, ha potuto far partire la sua […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Il rompicapo dei nuovi disoccupati

prev
Articolo Successivo

Sblocca-cantieri? Intanto c’è lo sblocca-regali a Bonsignore

next