Tema: descrivi sensazioni e comportamenti della clausura. Svolgimento: sempre lo stesso. Una delle consapevolezze più inaspettate e per certi versi incredibili è a quanta gente possa interessare a che cosa pensa e che fa uno scrittore costretto a restare a casa per un periodo indefinito, prorogato di quindicina in quindicina e senza un orizzonte temporale. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“La salvezza è fare la spesa, poi assalto ai parrucchieri”

prev
Articolo Successivo

“Disastro Trump, ha dato retta alle lobby invece che ai medici”

next