Ci mancherebbe, la chitarra c’è, è sempre protagonista nella vita di Alex Britti, e quando ne parla usa aggettivi e costruzioni mentali sedimentati nei decenni (“ne ho tante, le riconosco anche solo dall’odore”); ma attenzione alle spuntature di maiale, al quinto quarto (“mi manca, non lo posso più mangiare”) e alla descrizione di come si […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Bolsonaro straparla della pandemia, ma è sempre più solo

prev
Articolo Successivo

Quel che resta del porno: l’amore si fa solo in Rete

next