La frattura è venuta improvvisamente allo scoperto giovedì sera. La veemenza con cui gGiuseppe Conte ha rifiutato la bozza di accordo proposta ai capi di Stato e di governo (Consiglio europeo) dall’Eurogruppo (ministri delle Finanze) illumina anche la distanza tra il premier e il suo ministro dell’Economia Roberto Gualtieri e quella all’interno della sua maggioranza. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Fin dal 17 febbraio sapevano: nessuno comprò respiratori

prev
Articolo Successivo

Il “Salva stati” conserva i vantaggi di Berlino & C.

next