Ricordate la vigilia delle elezioni europee di maggio 2019? Una coalizione di destre sfidava l’establishment per costruire un’altra Europa, con piu’ deficit e meno immigrati: da Matteo Salvini a Viktor Orban (Ungheria) a Sebastian Kurz (Austria) a Marine Le Pen (Francia). I partiti sovranisti hanno perso, ma la crisi del Covid-19 rivela che le fratture […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

La svolta di Conte sulla Ue apre lo scontro con Gualtieri

prev
Articolo Successivo

Il Colle avverte l’Europa: “Basta coi vecchi schemi”

next