Mentre va in onda con successo su Rai1 Storia del nuovo cognome, il secondo capitolo dell’adattamento di Saverio Costanzo della celebre saga L’amica geniale, un altro romanzo di Elena Ferrante, La figlia oscura, (e/o, 2006), sta per essere adattato in immagini, questa volta negli Stati Uniti dove da tempo è scoppiata una vera e propria […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“Mine vaganti”: buona la seconda

prev
Articolo Successivo

“Hunters”, i nazisti non muoiono mai. Neanche nell’America contemporanea

next