Vivo a Venezia e ogni volta che guardo verso Porto Marghera e quella cattedrale d’industrie in disarmo non posso non pensare ai morti del Petrolchimico e al disastro ambientale di quell’area, a onta dei mirabolanti progetti a sfondo turistico. Non sono animato da giustizialismo o sete di vendetta, ma trovo inconcepibile che molti dei relativi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Sud: l’idea geniale delle sardine

prev
Articolo Successivo

A Giulia, Mattia & C. per nuotare insieme oltre le gerarchie

next