“E in narrando il nocchier la mia sciagura / al peregrin, che stupefatto ascolta / Ode vagar per le sommerse mura / Con gemito d’orror l’eco sepolta, / Ed ammirando i mal distinti sassi / urti col remo i voti alberghi, e passi”. È impressionante la forza profetica di questi terribili versi di Carlo de’ […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Così zar Putin cambia la Russia per mantenere il suo potere

prev
Articolo Successivo

Il volo, la tragedia, l’oblio: un figlio lotta per la verità

next