Il 28 giugno 1914, l’omicidio a Sarajevo dell’arciduca Francesco Ferdinando, erede dell’impero austro-ungarico, per mano di un nazionalista serbo, è stato l’evento scatenante della Prima guerra mondiale, seguita da tre decenni catastrofici per l’Europa sfociati nei massacri della Seconda guerra mondiale. Il futuro non si può prevedere e niente permette di affermare oggi che l’omicidio, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

“Trump è un caso umano, noi troppo docili con gli Usa”

prev
Articolo Successivo

Sos Diesel: “Anche gli euro 6 sforano i limiti di emissione”

next