Mentre Venezia di ora in ora, di minuto in minuto, sta annegando nell’acqua che sale rapidamente a 187 centimetri, nella sala operativa del Mose i tecnici hanno già avviato la simulazione. Vogliono capire come reagirebbero le paratoie se fossero in funzione. In quei drammatici minuti di martedì scorso va in scena la rappresentazione di un […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Con l’innalzamento delle acque la barriera rischia di essere inutile”

prev
Articolo Successivo

“Era meglio il modello Rotterdam. Comunque quel progetto non va”

next