Cinque anni fa il professor Luigi D’Alpaos, oggi professore emerito di idraulica nell’Università di Padova, uno dei maggiori esperti di idrodinamica e morfo-dinamica lagunare, rivelò al Fatto che il Consorzio Venezia Nuova alla soluzione, da lui prospettata per risolvere il problema dell’acqua alta, aveva preferito il Mose, opera più sofisticata e molto onerosa perché sarebbe […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Per il test in diretta dei tecnici il Mose poteva salvare la città

prev
Articolo Successivo

Mar Ligure. La cessione alla Francia resta un rischio? Dipende dal Parlamento

next