C’è forse solo una cosa di cui le classi dirigenti italiche siano più ignoranti che in storia dell’arte: la musica, la sua storia e il suo presente. Siamo davvero un paese di “analfabeti sonori”, per riprendere il titolo di un recente, felicissimo pamphlet di Carlo Boccadoro. Anche per questo sarebbe un bel segnale, se lo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Campo di Samos, ecco l’inferno per gli immigrati

prev
Articolo Successivo

“Mai lavorato in vita mia: per me creare è un gioco”

next