La ribellione degli indigeni in Ecuador, le proteste che da mesi portano in piazza decine di migliaia di algerini, l’anarchia sociale e politica in Venezuela hanno in comune una cosa: avvengono in “petroStati”, Paesi nei quali i ricavi dalla vendita di petrolio tengono in piedi lo Stato e consentono le importazioni di ogni genere di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

I big americani smettono di (auto)gonfiarsi in Borsa

prev
Articolo Successivo

Tanti oneri, poche risorse e persone. Si mobilitano gli ispettori del lavoro

next