Conquistatori

Un terminal alla volta: il dominio di Pechino nei porti dell’Europa

Gestione e proprietà - Dal Pireo a Vado Ligure, le aziende di Stato cinesi investono milioni di euro ogni anno per comprarsi vie d’accesso rapide per le merci. E creano condizioni per il loro monopolio nell’Ue senza strategie

Di Maria Maggiore*
16 Ottobre 2019

Puoi vedere cos’è diventato il Pireo dalla collina di Perama: una distesa di container multicolor, un via vai di navi da 20mila container, i capannoni di manutenzione di navi e treni liberi di entrare e uscire. “Qui Grecia-Europa, lì Cina”, scherzavano i portuali quando due-terzi del porto sono passati in mani cinesi. Era il 2008: […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.