Nella narrazione a caldo del fulmineo crac (in realtà covante da tempo) del gigante dei viaggi organizzati Thomas Cook, è emersa una sola evidenza: lo strangolamento del colosso della old economy vacanziera da parte dall’agguerrita concorrenza del web, dei last minute, del viaggio fai da te. Ma è solo una faccia (innegabile) della verità. L’altra, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Creditori all’attacco di Moby, il gruppo rischia l’insolvenza

prev
Articolo Successivo

Così dibattito e dati servono a regolare le decisioni sulle Grandi Opere

next