La famiglia di Imane Fadil è insoddisfatta degli esiti a cui sono arrivati la Procura di Milano e i consulenti tecnico-scientifici che hanno consegnato la perizia sulla morte della ragazza. Già a pochi giorni dalla sua scomparsa – e da quel mese in cui la situazione precipitò così rapidamente, tra sospetti e paure – dicevano […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Imane, la Procura di Milano chiede di archiviare il caso

prev
Articolo Successivo

Il buono, il brutto e il cattivo: il piano per fare fuori Bibi

next