Amicizia condizionata

Relazioni pericolose: gli affari e i ricatti politici e diplomatici

La Norvegia per anni è stata penalizzata sui dazi e sull’export per aver assegnato il Nobel a un dissidente cinese. E guai solo a nominare il Dalai Lama

18 Settembre 2019

Le relazioni con Pechino vanno a gonfie vele, gli investimenti in imprese europee e appalti per infrastrutture si moltiplicano. Tutto funziona a meraviglia, fino a quando un esponente politico, un industriale o un uomo di religione, non s’immischiano nel sistema politico dell’Impero di Mezzo. A quel punto, le porte si chiudono, le imprese cinesi non […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.