“Schumacher è cosciente”. La notizia rimbalza da Parigi e deflagra nel mondo dello sport, dove non esiste la musica del silenzio e gli eroi sono immortali già da mortali. Non solo è cosciente, Michael. Dopo il sofisticato trattamento all’avanguardia che utilizza la terapia delle cellule staminali, avrebbe ripreso conoscenza, mostrando progressi importanti. Persino Jean Todt, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

L’educazione civica (per ora) è bocciata

prev
Articolo Successivo

Mr. Security traballa Arabi, razzi, elezioni: tutte le paure di Bibi

next