Bari, luglio 1990. È sera. Finalmente un filo d’aria. Il binario. Binario 1. Guardo a destra: il treno arriva da destra, quindi Lecce è a destra. Milano – deduco – a questo punto dev’essere per forza a sinistra. Il biglietto: fammi controllare, ce l’ho? Non quello del treno, l’altro. Ce l’ho. Sigaretta. (Vorrei non aver […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Leggere è l’unico vero antidoto contro la solitudine”

prev
Articolo Successivo

Tiromancino alla banca: Zampaglione (Francesco) tenta una maldestra rapina

next