Da quando, due anni e mezzo fa, è emersa l’ennesima crisi di Alitalia, un dibattito è nato tra due opposti schieramenti: da un lato i sostenitori dell’intervento pubblico per impedire la chiusura, salvaguardare l’occupazione ed evitare la consistente spesa pubblica necessaria per proteggere i dipendenti; dall’altro coloro che vorrebbero evitare nuove perdite di soldi dei […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Eni, quel vertice alla Rinascente per far saltare il processo Nigeria

prev
Articolo Successivo

La Consob e le premure inutili del Pd

next