“Sì, ci sono ordigni inesplosi nelle aree non scavate del sito di Pompei, ma non c’è alcun pericolo per gli archeologi e gli operai che sono al lavoro. Né, tantomeno, per i milioni di turisti che ogni anno visitano gli scavi”. Pompei. È di una settimana fa la pubblicazione della nostra prima puntata di “Sherlock”, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Figurine Panini: si rifanno sotto gli americani

prev
Articolo Successivo

Deutsche Bank, cuccagna da 50 miliardi di bonus

next