“L’ investment banking è una trappola, un gioco e una droga: la ricompensa è grande ma incerta, il che la rende eccitante e ti fa chiederne sempre di più”. Le confessioni di un ex dirigente di una banca d’investimento di Londra, raccolte in forma anonima dal Guardian, spiegano bene cosa muove chi incassa stipendi fissi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“Bombe a Pompei? Ci saranno di sicuro nell’area da scavare”

prev
Articolo Successivo

Processo Ubi a rischio, il pm Pelosi potrebbe essere costretto a lasciare

next