Nella Sicilia dei primi anni Ottanta si cade come foglie. I corleonesi di Totò Riina sterminano le vecchie famiglie: nessuno è al sicuro, non Totuccio Contorno (Luigi Lo Cascio), non Tommaso Buscetta (Pierfrancesco Favino). Tra lui e Totò u Curtu, infiniti gradi di separazione: “Per Riina comandare è meglio che fottere, per me è il […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Pedofilia, la svolta della Cei: “Obbligo di segnalazione dei casi sospetti anche alle autorità civili”

prev
Articolo Successivo

Sesso, culi e drink: l’Intermezzo nudo di Kechiche

next