Segreti, bugie e il cunnilingus più lungo della storia del cinema, compreso quello a luci rosse. In Concorso a Cannes 72 e probabilmente mai nelle nostre sale, Mektoub, My Love: Intermezzo riprende da dove ci aveva lasciato il primo capitolo, Canto Uno, presentato alla Mostra di Venezia del 2017: Abdellatif Kechiche ritrova a Sète il […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Bellocchio “Traditore” non tradisce le attese

prev
Articolo Successivo

L’adolescenza e l’amore secondo Guadagnino

next