La bellezza del calcio giovanile, dicono. La gara under 19 tra Ambrosiana Trebasaleghe-Sacra Famiglia Grandini (Veneto), finisce con il centravanti locale, Gazmend Pali, che fa irruzione nello spogliatoio ospite “brandendo un’asta di ferro con un chiodo all’estremità”. Poi, per fortuna, lo hanno fermato. Lì vicino, under 17 Treviso-Julia Sagittaria, stavolta l’arbitro è un po’ (giusto […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La rivoluzione gentile dello chef: “Alle stelle preferisco mio figlio”

prev
Articolo Successivo

Il futuro di Renault. La doppia partita dei francesi

next