Anche quest’annol’omelia di Pasqua del vescovo di Acerra Antonio Di Donna diventa l’occasione per scagliarsi contro l’inquinamento ambientale e contro la rassegnazione del suo popolo, e per pronunciare un discorso a metà tra l’appello ai fedeli e la critica ai poteri dello Stato. “Ragazzi e giovani continuano ad ammalarsi e a morire. Prima la Montefibre, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Per i 130 anni dalla nascita di Hitler il concerto è negli spazi del Comune

prev
Articolo Successivo

Si allarga il ricatto in bitcoin alle aziende alimentari: contatti tra la Procura ed Eurojust

next