Il vescovo: “La nostra è una città crocifissa che non risorge. Siamo fermi al Venerdì Santo”

L’omelia sull’inceneritore
Il vescovo: “La nostra è una città crocifissa che non risorge. Siamo fermi al Venerdì Santo”

Anche quest’annol’omelia di Pasqua del vescovo di Acerra Antonio Di Donna diventa l’occasione per scagliarsi contro l’inquinamento ambientale e contro la rassegnazione del suo popolo, e per pronunciare un discorso a metà tra l’appello ai fedeli e la critica ai poteri dello Stato. “Ragazzi e giovani continuano ad ammalarsi e a morire. Prima la Montefibre, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.