Non sono arrivate soltanto ad aziende italiane come Lavazza, Illy, Vergnano, Ferrero e Balocco le richieste di 300mila euro in bitcoin, pena l’avvelenamento dei prodotti con l’oleandrina. Altri marchi alimentari, come la Findus a Malmoe (Svezia) e produttori di dolci in Belgio, tra cui IJsboerke e Jules Destrooper, hanno ricevuto lettere uguali, tutte spedite da […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Il vescovo: “La nostra è una città crocifissa che non risorge. Siamo fermi al Venerdì Santo”

prev
Articolo Successivo

Per la ricostruzione lenzuola alle finestre: i fondi ci sono, è la burocrazia a bloccare tutto

next