Autostrade per l’Italia e Aiscat, l’associazione delle concessionarie autostradali, non ci stanno a rinunciare agli usuali aumenti dei pedaggi che puntualmente incassano ogni anno. E contestano la delibera 16/2019 dello scorso 18 febbraio con cui l’Autorità di regolazione dei trasporti ha avviato e sottoposto a consultazione un nuovo sistema tariffario valido per le 21 concessionarie, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Prosciutti Ferrarini, il salvataggio della vice presidente di Confindustria lo pagheranno i creditori

prev
Articolo Successivo

Reddito di cittadinanza: cosa serve nella fase 2

next