Disarmante. Consapevole. Inconsapevole. Gli archetipi, le sovrastrutture, i “giochi di ruolo”, Arisa non li conosce. “E per questo pago un po’ lo scotto, però sto migliorando, con gli anni ho imparato”. È una delle voci più belle del firmamento italiano, una delle interpreti migliori, parola di Mara Maionchi che ha preso lei a esempio per […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“L’eredità di mio marito resta a Parigi: in Italia troppo odio”

prev
Articolo Successivo

Il ritorno di Mayall: stessa grinta, meno capelli

next