Aveva tutto per fare una strage: tre taniche di benzina, alcuni accendini e fascette da elettricista per legare gli ostaggi. Un’azione premeditata “contro la morte dei migranti nel Mediterraneo”. Il suo obiettivo: 51 bambini di una scuola media di Crema dentro a un pullman. Lui alla guida. In mente una folle corsa all’aeroporto di Linate […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Stipati e senza cibo nel carcere di Tripoli”

prev
Articolo Successivo

Bus incendiato, “Paolo” il solitario che non aveva collegamenti jihadisti

next