Anche in caso di unione civile il partner più debole economicamente ha diritto ad un assegno di mantenimento. La sentenza, a suo modo storica, arriva da Pordenone: il Tribunale, presieduto dal giudice Gaetano Appierto, ha stabilito in una causa di divorzio fra due donne unite civilmente un “mensile” di 350 euro a carico della coniuge […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

L’ultima “banda degli onesti”. Arrestati con 36 milioni falsi: “Banconote di altissima qualità”

prev
Articolo Successivo

“Con il teatro non si mangia. E il cinema è dei soliti noti”

next