L’ultima “banda degli onesti”. Arrestati con 36 milioni falsi: “Banconote di altissima qualità”

L’ultima “banda degli onesti”. Arrestati con 36 milioni falsi: “Banconote di altissima qualità”

I due novelli Totò e Peppino, falsari delle banconote provenienti da Napoli e Casoria, si erano rinchiusi nel capannone di via San Giusto 71 a Pomigliano d’Arco (Napoli) da dodici giorni. Quasi due settimane senza mai uscire, dormendo e lavandosi lì, e nutrendosi di biscotti, avvolti negli odori di porchetta e salumi provenienti dall’azienda alimentare […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.