Sotto l’arcobaleno, piovono citazioni: “più di cinquanta”, solo per rimanere a quelle cinematografiche tout court. Tanto che l’idea di “un concorso per maniaci”, confessa, lo solletica. Temendo un deficit di cinefilia da parte della stampa o non volendo smobilitare dalla vocazione maggioritaria che fu, le citazioni però le enumera lui: “La padella bucata per le […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

L’indegna apologia del ladro di libri

prev
Articolo Successivo

Luke Perry, l’altro Dylan a segnare una generazione

next