Dopo una lunga battaglia, il Tar del Lazio ha bocciato il ricorso presentato da Airbnb contro la cedolare secca per le locazioni brevi. La piattaforma per le locazioni online, che solo in Italia conta oltre 214mila case e l’anno scorso ha fatto registrare 3,7 milioni di arrivi, finora si è rifiutata di riscuotere l’imposta e […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Il dilemma del ministero

prev
Articolo Successivo

I cantieri sono utili ma hanno un costo

next