Altro che fine dello stipendificio Anas, come aveva annunciato speranzoso il ministro dei Trasporti, Danilo Toninelli. Nell’azienda pubblica delle strade la cura del proprio reddito rimane l’attività prediletta dai dirigenti. Anche la coppia di nuovi capi, il presidente Claudio Gemme e l’amministratore delegato e direttore generale Massimo Simonini, non si sottrae a prassi consolidata. Alla prima […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Firenze, la guerra per la pista che nessuno vuole pagare

prev
Articolo Successivo

Decretone, 1.570 emendamenti: più vincoli sul reddito di cittadinanza

next