La secessione dei ricchi – che i suoi sostenitori chiamano “autonomia differenziata” per le Regioni, un pessimo lascito della riforma del Titolo V voluta quasi vent’anni fa dal centrosinistra – avanza a grandi e silenziosi passi dentro al corpaccione della produzione legislativa gialloverde. Com’è noto, la Lega vuole i disegni di legge per l’autonomia di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Il consigliere del Mise Tridico: “I sindacati dovrebbero stare con noi, non contro”

prev
Articolo Successivo

I giudici: “Ecco perché non dovevano togliere le inchieste a De Magistris”

next