Salvini fa la mossa, ed è panico a Cinque Stelle. Perché il coinquilino si rimangia la parola e pretende che non lo mandino a processo, nero su bianco. E il M5S s’impantana: sospeso tra l’obbligo di rispettare i propri codici, quindi di dire sì al rinvio a giudizio, e la paura che crolli tutto, cioè […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La Cattiveria 3001

prev
Articolo Successivo

“Rischio terroristi a bordo”: Viminale contro i magistrati

next