Un’economia mondiale meno aperta non è una cattiva notizia

Un’economia mondiale meno aperta non è una cattiva notizia

Dani Rodrik è uno degli economisti più famosi del momento, ad Harvard studia l’intreccio tra globalizzazione e democrazia. Einaudi pubblica un libro che rielabora i suoi interventi più recenti ed è un contributo utile ai grandi dibattiti di oggi. La tesi: le reazioni populiste e nazionaliste alla “iperglobalizzazione” non sono una patologia, ma l’effetto inevitabile […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.