Dani Rodrik è uno degli economisti più famosi del momento, ad Harvard studia l’intreccio tra globalizzazione e democrazia. Einaudi pubblica un libro che rielabora i suoi interventi più recenti ed è un contributo utile ai grandi dibattiti di oggi. La tesi: le reazioni populiste e nazionaliste alla “iperglobalizzazione” non sono una patologia, ma l’effetto inevitabile […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Precari della ricerca pubblica, fondi sbloccati ma poche stabilizzazioni

prev
Articolo Successivo

Anno 2030: l’amore è stato abolito (Restano le scorie)

next