Che il processo di integrazione europeo si sia inceppato è evidente, forse addirittura siamo in una fase di dis-integrazione, come la chiama il politologo Jan Zielonka. Di sicuro uscire dalla paralisi è complicato, basta guardare le reazioni al trattato tra Francia e Germania firmato ieri ad Aquisgrana da Emmanuel Macron e Angela Merkel. Poca sostanza […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Risiko bancario: solo chiacchiere, la crisi morde ma non c’è il regista

prev
Articolo Successivo

Porti Spa, con l’idea leghista di aprire ai privati si rischia una svendita in stile Pireo

next