Grazie a Tsitsipas c’è chi crede al predominio dell’estetica

Non è l’erede di Federer, ma a Melbourne ha conquistato la semifinale dello Slam con un gioco anacronistico: mentre quasi tutti picchiano come fabbri belluini, lui cesella
Grazie a Tsitsipas c’è chi crede al predominio dell’estetica

Stefanos Tsitsipas è un panda, e come tutti i panda verrà amato da molti e al tempo stesso rischierà l’estinzione. Di sicuro l’habitat del tennis contemporaneo, pieno di muscolari banali e culturisti iper-atletici, non lo aiuterà. La sua sarà una vita agonistica per niente facile, e anche in questo risiede il suo fascino. Il suo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.