Stefanos Tsitsipas è un panda, e come tutti i panda verrà amato da molti e al tempo stesso rischierà l’estinzione. Di sicuro l’habitat del tennis contemporaneo, pieno di muscolari banali e culturisti iper-atletici, non lo aiuterà. La sua sarà una vita agonistica per niente facile, e anche in questo risiede il suo fascino. Il suo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

“Paranoia Airlines”, il lato più pop di un Fedez “volutamente cupo”

prev
Articolo Successivo

Come fu che Cottarelli mandò Banfi al Cnr

next