Escono dal dl Semplificazioni i sei emendamenti bipartisan “per semplificare l’acceso al farmaco e stimolare lo sviluppo del settore” che avrebbero assicurato ai farmacisti iscritti all’Albo almeno il 51% delle quote delle società di capitali proprietarie di farmacia e la liberalizzazione della vendita dei farmaci di fascia C con obbligo di ricetta (ma a carico […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Palazzo Chigi (e M5S) stringe la presa sul digitale

prev
Articolo Successivo

Tim, pesante calo in Borsa: ai minimi dal 1993. Nuove accuse di Vivendi

next