Uno stop di due anni alle attività di ricerca di idrocarburi ma prosecuzione della produzione per chi ha già avviato quella che in gergo tecnico viene definita la “coltivazione”: era questo, per il Movimento 5 Stelle, l’accordo con la Lega sulla questione trivelle. Accordo, però, che in serata è diventato unilaterale visto che ieri, in […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Toh, riecco Gozi: l’uomo dalle idee giuste per gli altri

prev
Articolo Successivo

Il Tav è un’opera inutile: sono i numeri a bocciarlo

next