Il Tav è un’opera inutile: sono i numeri a bocciarlo

Scelte consapevoli - Fan e critici non sono toccati dai suoi effetti diretti Conta se il traffico merci giustifica i costi. E questo è in calo da decenni
Il Tav è un’opera inutile: sono i numeri a bocciarlo

Nelle decisioni sulle grandi opere dovrebbero contare i numeri oggettivi e non le opinioni soggettive. Le preferenze individuali hanno un ruolo ben diverso nelle scelte private rispetto alle scelte pubbliche sugli investimenti infrastrutturali. Nelle prime assumono un valore assoluto dato che il privato, pagando di tasca propria, ha pieno diritto di decidere ciò che ritiene […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.