Nelle decisioni sulle grandi opere dovrebbero contare i numeri oggettivi e non le opinioni soggettive. Le preferenze individuali hanno un ruolo ben diverso nelle scelte private rispetto alle scelte pubbliche sugli investimenti infrastrutturali. Nelle prime assumono un valore assoluto dato che il privato, pagando di tasca propria, ha pieno diritto di decidere ciò che ritiene […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Trivelle, balla l’intesa M5S-Lega

prev
Articolo Successivo

Pd, nei circoli Zingaretti vola e la mozione Martina si sfalda

next