“Io sono un killer, se dopo anni in camera mortuaria hai ancora dei mutui da pagare non hai capito come funziona”. Non solo obbligavano i parenti dei defunti a scegliere i loro servizi ma spesso derubavano addirittura le salme senza risparmiarsi battute e gag di pessimo gusto. Due imprenditori bolognesi controllavano gli obitori dei due […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Salone del Libro, chiusa l’indagine. Rischia il processo anche l’ex sindaco Piero Fassino

prev
Articolo Successivo

Asse Lega-5Stelle: “Le scritte in arabo dagli ospedali cittadini vanno rimosse”

next